Letizia Palmieri con il Maestro Alexander Romanovsky

Alexander Romanovsky in russo: Александр Романовский?, (Dniprodzeržyns’k, 21 agosto1984) è un pianista ucraino naturalizzato italiano[1][2]. Nel 2001 ha vinto il concorso pianistico internazionale Ferruccio Busoni di Bolzano.

Biografia

Fino dalla più giovane età si dedica allo studio del pianoforte dimostrando uno spiccato talento: a soli nove anni suona per la prima volta con un’orchestra e a undici dà il suo primo recital con l’orchestra “I Virtuosi di Mosca” sotto la direzione di Vladimir Spivakov, che partendo dall’Ucraina tocca la Russia, i Paesi Baltici, la Francia e la Germania.

Nel 1997 la sua vita ha una svolta: due anni prima il maestro Leonid Margarius aveva lasciato l’Ucraina per diventare docente presso l’Accademia Pianistica Internazionale “Incontri col Maestro” di Imola, nel bolognese, ed ora lo chiamava dall’Italia per proseguire gli studi con lui.
Per la giovane famiglia Romanovsky è un salto nel buio: anche senza una certezza per il futuro artistico del piccolo Sasha, la madre e la sorellina di cinque anni si trasferiscono con lui a Casalfiumanese, mentre il padre potrà raggiungerli solo dopo alcuni anni.
Sono anni di sacrifici e la madre inizialmente dovrà alternare il lavoro di traduttrice dal russo con altri meno qualificati per poter mantenere la famiglia in Italia.
Dopo due anni di studi in Italia, nel 1999Alexander Romanovsky diventa Accademico dell’Accademia Filarmonica di Bologna: in passato, solamente Wolfgang Amadeus Mozarte Gioacchino Rossini hanno conseguito questo titolo all’età di quindici anni.
È però a diciassette anni nel 2001 che raggiunge l’attenzione internazionale vincendo il concorso pianistico internazionale Ferruccio Busoni di Bolzano.
Da quel momento cominciano i suoi numerosi concerti in Europa, in Giappone (International Piano Concert 2000), ad Hong Kong e negli Stati Uniti.
Nel 2007 è stato invitato a Castel Gandolfo ad eseguire per il sommo Pontefice Papa Benedetto XVI musiche di Mozartaccompagnato dall’orchestra, in occasione del 110º anniversario del Papa Paolo VI. Nel 2009 ha ottenuto l’Artist Diploma presso il Royal College of Music di Londra.
Nel 2011 Alexander Romanovsky è diventato cittadino italiano e il 15 novembre 2011 ha partecipato all’incontro dedicato ai “Nuovi Cittadini italiani” alla presenza del Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano, nel quale ha tenuto un breve concerto.
 

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: